Connect with us

Come

Come impostare in modo SICURO la massima priorità per un’app in Windows 11

Come impostare in modo SICURO la massima priorità per un’app in Windows 11

Windows fa un ottimo lavoro nell’allocare le risorse del tuo sistema a processi e programmi che ne hanno più bisogno assegnando loro livelli di priorità. La maggior parte delle applicazioni installate può funzionare perfettamente con il livello di priorità “normale”, che è l’impostazione predefinita.

Tuttavia, di tanto in tanto, potrebbe essere necessario eseguire un programma a un livello superiore al normale predefinito, come un gioco, per dargli una spinta. Ma farlo ha un costo ed è un affare su cui vale la pena riflettere.

Quindi, come puoi eseguire in sicurezza un’app ad alta priorità senza causare problemi al tuo sistema? Scopriamolo.

Cosa succede quando assegni la massima priorità a un’app?

Ci sono un totale di sei livelli di priorità a cui Windows esegue i diversi processi e programmi: Basso, Sotto il normale, Normale, Sopra il normale, Alto e In tempo reale.

A seconda della loro priorità, Windows classificherà e accoderà le applicazioni. Maggiore è la priorità, più tempo ottiene l’app. Pertanto, i servizi e i processi che sono estremamente importanti per Windows verranno eseguiti con una priorità elevata. A meno che tu non abbia una buona ragione per modificare le priorità delle app, è meglio lasciare tutto a Windows per decidere quali processi hanno la priorità durante l’allocazione delle risorse.

Ovviamente, se c’è un’applicazione particolarmente lenta che vorresti funzionasse senza problemi, puoi prendere in considerazione la possibilità di cambiare la sua priorità ben al di sopra del normale alla categoria “alta”. Ma tieni presente che questa operazione disattiverà alcune delle risorse lontano da dove sono maggiormente necessarie e può portare a risultati stridenti, come input di mouse e tastiera congelati o lenti.

Cosa considerare prima di dare la massima priorità a un’app?

Il fatto che tu debba o meno dare un’alta priorità a un’app dipende molto dal tuo processore e dall’attività stessa.

Se l’app non ha fame di risorse, puoi cavartela molto. Ma se hai intenzione di dare una spinta a un’app di editor video o a un gioco, che è ciò a cui la maggior parte delle persone pensa quando si intromette nelle priorità, il tuo sistema subirà un colpo visibile. Se la tua app ad alta priorità accumula tutte le tue risorse di sistema e non è rimasto quasi nulla nemmeno per i tuoi comandi, allora non ha senso farlo in primo luogo.

Ancora una volta, questo dipenderà dalle risorse che il tuo sistema ha da offrire e dall’app che vuoi eseguire. Ma se vuoi sperimentare e vedere cosa succede quando esegui un’app ad alta intensità di CPU con una priorità elevata, allora vai avanti. Ciò non danneggerà il tuo computer (anche se dovrai riavviare il pulsante di accensione) e anche le modifiche alle priorità vengono ripristinate ai valori predefiniti al riavvio del sistema.

Imparentato: 6 modi per disabilitare l’antivirus di sicurezza di Windows in Windows 11

Prerequisiti per rendere un’app un’alta priorità

Prima di dare la massima priorità a un’app, ci sono un paio di cose che dovresti togliere di mezzo.

Disattiva controllo dell’account utente

Controllo dell’account utente (UAC) protegge il tuo sistema da app potenzialmente dannose e modifiche alle impostazioni impedendoti di apportare tali modifiche. Ma se sai cosa stai facendo, l’UAC può essere una seccatura. Sebbene non ti impedisca assolutamente di apportare modifiche, tende a generare richieste di conferma per ogni piccola cosa. È meglio disabilitarlo ed eliminare la sua fastidiosa presenza. Ecco come:

Premi Start, digita UACe selezionare Cambiare le impostazioni di controllo dell’account.

Porta il cursore di notifica fino in fondo a “Non notificare mai”.

Quindi fare clic OK.

E proprio così, UAC è fuori mano.

Concedi all’app i privilegi di amministratore

Un’altra modifica, forse più importante, che devi apportare è quella di concedere i privilegi di amministratore all’app a cui stai cercando di dare la massima priorità. Ecco come procedere:

Apri la tua app in modo che i suoi processi siano in esecuzione. Quindi fare clic con il tasto destro sulla barra delle applicazioni e selezionare Gestore attività.

In alternativa, premere Ctrl+Shift+Esc per far apparire il Task Manager. Quindi trova il processo della tua app nel Task Manager. Fai clic destro su di esso e seleziona Proprietà.

Clicca sul Sicurezza scheda per passare ad esso.

Quindi fare clic sul Modificare scatola.

Quindi dai alla tua applicazione “Controllo completo” facendo clic sulla casella sotto “Consenti”.

Quindi fare clic OK.

Clicca su OK ancora.

Quali sono i diversi ID del livello di priorità?

Per alcuni metodi, come l’utilizzo di terminali di comando come PowerShell e il prompt dei comandi indicato di seguito, dovrai inserire l’ID del livello di priorità per modificare la priorità del processo di un’app. Questi ID del livello di priorità sono i seguenti:

Basso – 64

Al di sotto della norma – 16384

Normale – 32

Superiore al normale – 32768

Alto – 128

Tempo reale – 256

Di questi sei, avrai bisogno del numero ID del livello di priorità “128” per i metodi indicati di seguito.

Imparentato: Come accedere al BIOS in Windows 11

Come rendere sicura un’app ad alta priorità

Ora che sai cosa tenere a mente mentre dai la massima priorità a un’app, ecco alcuni modi per farlo:

Metodo 1: in PowerShell

Premi Start, digita powershellfare clic con il pulsante destro del mouse sul risultato e selezionare Esegui come amministratore.

Ora digita il seguente comando:

Get-WmiObject Win32_process -filter 'name = "ProcessName"' | foreach-object { $_.SetPriority(PriorityLevelID) }

Sostituire Nome del processo con il nome completo del file eseguibile della tua applicazione (insieme alla sua estensione) e sostituisci ID livello di priorità con il numero ID di livello ad alta priorità che è 128.

Quindi premere Invio. E proprio così, hai dato la massima priorità alla tua app con PowerShell.

Metodo 2: utilizzo del comando wmic nel prompt dei comandi

I comandi del prompt dei comandi sono leggermente più facili da gestire. Ecco come usarlo per dare priorità a un’app:

Premi Start, digita cmdquindi fai clic con il pulsante destro del mouse sul risultato con la migliore corrispondenza e seleziona Esegui come amministratore.

Ora digita il seguente comando:

wmic process where name="ProcessName" CALL setpriority ProrityLevelID

Assicurati di sostituire il Nome del processo con il nome dell’applicazione e il ID livello di priorità con 128 (per priorità alta), in questo modo:

Quindi premere Invio. Il livello di priorità sarà impostato su alto per l’applicazione.

Imparentato: Come utilizzare l’app PC Manager su Windows 11

Metodo 3: avviare un’applicazione con priorità alta

Finora abbiamo visto come impostare la priorità di un’app già in esecuzione. Ma puoi anche utilizzare il prompt dei comandi per avviare un’applicazione con priorità alta. Ecco come:

Apri il prompt dei comandi con privilegi di amministratore, quindi digita il seguente comando:

start ""/'Prioritylevel' "ApplicationPath"

Assicurati di sostituire ‘Livello di priorità’ insieme a Alto (senza virgolette) e il ApplicationPath con il percorso completo dell’applicazione (con virgolette).

E proprio così, hai avviato l’applicazione con alta priorità.

Metodo 4: imposta in modo permanente un’app ad alta priorità

Per impostazione predefinita, tutte le modifiche apportate alla priorità di un’app verranno ripristinate al riavvio del PC. Per rendere permanenti le modifiche, aggiungeremo il comando prompt dei comandi al collegamento dell’applicazione.

Innanzitutto, vai alla cartella della tua applicazione, fai clic destro su di essa e seleziona Mostra più opzioni.

Quindi seleziona Inviare a poi Desktop (crea collegamento).

Ora fai clic con il pulsante destro del mouse sul collegamento e seleziona Proprietà.

Accanto al campo “Target”, dovresti vedere la posizione dell’applicazione.

Porta il cursore all’inizio del percorso della posizione, quindi copia quanto segue:

%windir%system32cmd.exe /c start "" /high

E incollalo prima della posizione dell’applicazione nel campo “Target”. Dovrebbe assomigliare a qualcosa di simile a questo:

Quindi fare clic su OK.

Ora, ogni volta che esegui questa applicazione utilizzando il collegamento, verrà eseguita con priorità alta.

Metodo 5: modificare l’affinità del processore per l’app ad alta priorità utilizzando Task Manager

L’affinità del processore non è la stessa del livello di priorità di un’applicazione. Invece di spostare le priorità, questa opzione ti consente di decidere quanti core della CPU vuoi che un’applicazione sia in grado di utilizzare. Se stai dando un’alta priorità a un’app relativamente più pesante, limitarne l’utilizzo del core della CPU può aiutare ad alleggerire il carico sul tuo PC in modo che i servizi essenziali possano funzionare senza intoppi.

Questa modifica può essere effettuata dall’interno del Task Manager. Premere Ctrl+Shift+Esc per aprirlo. Quindi fare clic sull’icona dell’hamburger nell’angolo in alto a sinistra.

Quindi seleziona Particolari.

Cerca la tua applicazione, fai clic destro su di essa e seleziona Imposta affinità.

Qui, limita il numero di core CPU disponibili per l’app deselezionando alcuni processori.

Quindi fare clic OK.

Dovresti eseguire un’app con priorità in tempo reale?

In quasi tutti i casi, la risposta è un grande no. La priorità in tempo reale è per lo più riservata alle applicazioni che devono “parlare” direttamente con l’hardware, come la tastiera e il mouse, o eseguire attività che richiedono interruzioni minime. Se spingi un’app per l’esecuzione con priorità in tempo reale, puoi quasi sempre aspettarti problemi con Windows che registra anche i comandi più basilari.

Ci auguriamo che tu sia stato in grado di eseguire un’applicazione con priorità elevata in Windows 11. Nella maggior parte dei casi, ciò non dovrebbe essere realmente necessario. Ma ora sai cosa tenere a mente quando devi. Fino alla prossima volta, stai al sicuro!

IMPARENTATO: