Connect with us

Come

Come tornare ad Android 11 da Android 12

Published

Come tornare ad Android 11 da Android 12

Android 12 è stato rilasciato al pubblico il mese scorso e se possiedi un Pixel 3 o un modello più recente della gamma di smartphone di Google, sei il primo della fila a ricevere l’aggiornamento. Android 12 porta con sé una serie di nuove funzionalità che non solo aggiungono funzionalità al tuo smartphone, ma cambiano anche l’aspetto e la sensazione in mano. Queste funzionalità includono lo scorrimento di schermate, Material You, rotazione automatica basata sul viso, gesti facciali, ricerca del dispositivo, gomma magica e altro ancora.

In generale, è sempre una buona scelta rimanere aggiornati all’ultimo firmware, ma se Android 12 non ti ha fatto sentire a casa, hai la possibilità di eseguire il downgrade ad Android 11 in qualsiasi momento. Potresti voler ripristinare una versione precedente di Android per eliminare i bug nel sistema o semplicemente perché. Quindi, se sei qualcuno che ha aggiornato il proprio Google Pixel ad Android 12 di recente, questo post ti aiuterà a riportare il tuo dispositivo su Android 11.

È possibile tornare ad Android 11 da Android 12?

Sì, puoi effettivamente cambiare il tuo dispositivo Pixel su Android 11 o su qualsiasi altra versione precedente di Android dopo aver installato Android 12. Questo processo, tuttavia, non è così semplice come aggiornare il telefono alla versione più recente. Implica il ripristino delle impostazioni di fabbrica del dispositivo, lo sblocco del bootloader, il flashing di un’immagine Android precedente e il ripristino dei dati di backup.

Sebbene i passaggi per ripristinare il telefono su Android 11 siano abbastanza semplici, devi assicurarti di seguirli tutti con la massima cura e a tuo rischio. Puoi anche utilizzare questa guida per eseguire il flashing di qualsiasi versione precedente di Android sul tuo smartphone Pixel e, in futuro, puoi passare dalla versione precedente a quella più recente di Android 12 stesso utilizzando gli stessi passaggi.

Cosa è necessario sapere quando si esegue il downgrade?

A differenza dell’aggiornamento a una nuova versione di Android, il ripristino del telefono a una versione precedente richiede uno sforzo e ci sono alcune cose che dovresti sapere prima di farlo.

Per prima cosa, il downgrade a una versione precedente di Android cancellerà tutti i dati correnti memorizzati sul tuo dispositivo Android. Questo non include solo tutte le impostazioni del dispositivo e i dati delle app, ma tutto ciò che hai salvato nella memoria interna del tuo telefono Android. Quindi, la prima cosa che fai quando decidi di eseguire il downgrade è eseguire il backup di tutti i tuoi dati dal tuo dispositivo al cloud o a qualche altro dispositivo.

Per impostazione predefinita, i tuoi contatti, le foto, le impostazioni del dispositivo, la cronologia delle chiamate, gli SMS, i dati dell’account Google e alcuni dati delle app verranno tutti sottoposti a backup sul tuo telefono Android sul cloud.

Per verificare se è stato effettuato un backup o per crearne uno manualmente, puoi aprire l’app Impostazioni su Android 12 e andare su Google > Backup. Da qui, abilita l’interruttore “Backup di Google One” e quindi tocca “Esegui il backup adesso” per iniziare a copiare i dati del tuo dispositivo sui server di Google.

Poiché questi dati sono più cruciali per te quando configuri di nuovo il tuo dispositivo, puoi utilizzare questa funzione nativa per ripristinare la maggior parte delle tue cose.

Oltre ai dati del dispositivo, potresti anche voler eseguire il backup dei dati da app di terze parti che potresti avere sul tuo telefono. Poiché tutte le app si comportano in modo diverso. non esiste un modo per eseguire il backup dei dati da tutti allo stesso modo. La maggior parte delle app ora funziona su tutte le piattaforme grazie ai loro servizi cloud interconnessi; quindi potrebbe non essere necessario eseguirne il backup manualmente.

Alcune app come WhatsApp offrono agli utenti un modo manuale per eseguire il backup dei dati e ripristinarli in un secondo momento. Quindi, quando esegui il downgrade del telefono a una versione Android precedente, devi assicurarti di aver eseguito il backup di tutto prima che i dati del telefono vengano cancellati.

Oltre ai backup, è anche importante sapere che la possibilità di eseguire il downgrade di un telefono Android è possibile solo se il produttore del telefono consente di modificare il firmware, sbloccare il bootloader e flashare manualmente un’immagine Android. Per ora, gli smartphone più facili da eseguire il downgrade a una vecchia versione di Android sono i Pixel di Google.

Anche se possiedi un dispositivo Pixel, devi assicurarti di disporre di una versione del telefono sbloccata dall’operatore per assicurarti che il downgrade sia possibile. Questo perché i telefoni acquistati dai gestori potrebbero avere un ulteriore livello di protezione che impedisce di modificare il loro software.

Se il tuo dispositivo è stato prodotto da Samsung, OnePlus o qualsiasi altra azienda, le tue possibilità di tornare ad Android 11 dipendono molto dal fatto che l’azienda ti consenta di farlo.

Cose da verificare prima di tornare ad Android 11

Prima di riportare il telefono ad Android 11, ci sono alcune cose che potresti dover controllare o scaricare per completare il processo di downgrade in sicurezza. Questi includono:

  • Esegui il backup dei dati del tuo dispositivo corrente su Google: App, Contatti, SMS, Impostazioni dispositivo e Cronologia chiamate.
  • Sincronizza i tuoi video e le tue immagini su Google Foto in modo che vengano ripristinati e siano facilmente accessibili in seguito.
  • Un computer funzionante (Windows o Mac).
  • Un cavo USB per collegare il tuo dispositivo Android al computer.
  • Sposta i file dalla memoria del dispositivo al computer o a Google Drive.
  • Scarica tutti i file necessari per il processo di downgrade sul tuo computer, come indicato nei passaggi 2 e 3 nella guida di seguito.
  • Conosci la marca e il modello del tuo dispositivo, in modo da sapere quale immagine di fabbrica scaricare. La guida di seguito si basa sui dispositivi Google Pixel, ma i passaggi rimarranno simili anche per altri dispositivi Android.

Come tornare da Android 12 ad Android 11

Se hai deciso e desideri ripristinare il telefono su Android 11 da Android 12, devi seguire i passaggi seguenti, attentamente e senza errori. Mentre procedi con il rollback a una versione precedente di Android, dovresti sapere che la garanzia del tuo telefono sarà nulla e da qui in poi, farai tutto a tuo rischio.

Nota: poiché Android 12 è attualmente disponibile principalmente per la gamma Pixel di Google, continueremo a farvi riferimento per la maggior parte di questa guida.

Passaggio 1: attiva il debug USB e lo sblocco OEM (sul telefono)

La prima cosa da fare quando si modifica il software del telefono in qualsiasi modo è abilitare il debug USB e lo sblocco OEM su di esso. Per farlo, devi prima abilitare le Opzioni sviluppatore sul tuo Pixel, nel caso non lo avessi già fatto. Per questo, apri Impostazioni sul tuo telefono e vai su “Informazioni sul telefono”.

Quindi, scorri verso il basso e tocca ripetutamente la sezione “Numero build” finché non vedi il messaggio “Ora sei uno sviluppatore!” messaggio sul telefono.

Dopo aver abilitato le Opzioni sviluppatore sul tuo dispositivo, è il momento di accedervi andando su Impostazioni > Sistema.

Nella schermata successiva, scorri verso il basso e tocca “Opzioni sviluppatore”.

All’interno delle opzioni sviluppatore, abilita l’interruttore accanto a “Sblocco OEM”.

Una volta abilitato, scorri verso il basso in questa schermata fino a raggiungere la sezione “Debug”. Qui, abilita “Debug USB”.

Hai abilitato correttamente il debug USB e lo sblocco OEM sul tuo telefono Android.

Passaggio 2: scarica gli strumenti della piattaforma SDK Android (per Windows/Mac/Linux)

Per eseguire qualsiasi tipo di modifica basata su software sul tuo telefono Android, avrai bisogno degli strumenti della piattaforma Android SDK disponibili sul tuo desktop. Per chi non lo sapesse, Android SDK Platform-Tools è un’utilità che gli sviluppatori utilizzano per creare e mantenere le loro app su Android. Questa utility può essere utilizzata anche per sbloccare il bootloader del dispositivo e per eseguire il flashing di un’immagine di sistema, che è essenzialmente lo scopo per cui lo utilizzeremo.

Gli strumenti della piattaforma Android SDK sono fatti per essere utilizzati su un computer, ma per renderlo utilizzabile da tutti, è disponibile su una moltitudine di piattaforme sul tuo desktop. A seconda del dispositivo che possiedi, puoi scaricare gli strumenti della piattaforma Android SDK sul tuo computer facendo clic sul collegamento desiderato di seguito:

Dopo aver scaricato il pacchetto corretto di Android SDK Platform Tools per il tuo computer, dovrai decomprimere i contenuti dallo ZIP prima di poter passare al passaggio successivo. Quando il pacchetto viene decompresso, dovresti vedere la cartella degli strumenti della piattaforma apparire nella stessa cartella.

Assicurati di ricordare la posizione di questa cartella o spostala in una posizione facilmente accessibile, come il desktop.

Passaggio 3: scarica l’immagine di fabbrica per il tuo telefono Android

Per eseguire il downgrade del dispositivo a una versione precedente di Android è necessario disporre dell’immagine di fabbrica per la versione Android specifica a cui si desidera ripristinare. Un’immagine di fabbrica è una build pura di Android che viene preinstallata con il tuo smartphone o è un’istantanea chiara di una versione di Android che è stata implementata sul dispositivo. Questa immagine è ciò che gli strumenti della piattaforma Android SDK utilizzeranno per installare una nuova copia della versione Android di tua scelta sul tuo telefono.

Se possiedi uno smartphone Pixel, puoi ottenere immagini di fabbrica per qualsiasi build precedente di Android andando su questa pagina web che è ospitato da Google stesso. Per i proprietari di dispositivi di altri OEM, è necessario verificare con il produttore del telefono se consentono il downgrade del firmware e se forniscono o meno immagini di fabbrica ufficiali per le versioni precedenti di Android.

Gli utenti Pixel possono accedere alla pagina Web Immagini di fabbrica e cercare il proprio dispositivo nell’elenco fornito di seguito. Da qui, puoi controllare tutte le versioni di Android disponibili per il dispositivo in questione in ordine dal vecchio al nuovo.

Dopo aver arrotondato la versione di Android 11 a cui desideri eseguire il downgrade, fai clic su “Link” accanto al numero di versione.

L’immagine di fabbrica selezionata verrà ora scaricata sul computer in formato “.ZIP”.

Una volta scaricato, dovrai estrarre il contenuto di questo ZIP e spostarlo nella cartella principale dello strumento della piattaforma creata nel passaggio precedente.

Passaggio 4: stabilire una connessione tra il dispositivo Android e il computer

Ora che ti sei occupato di tutto ciò di cui hai bisogno per scaricare, puoi procedere con il processo di downgrade stabilendo prima una connessione tra il tuo telefono Android e il tuo PC. Questo può essere fatto usando il cavo dati che ti è stato fornito con il tuo telefono.

Dopo aver collegato manualmente il telefono al computer Windows/Mac/Linux, è possibile verificare se il computer ha rilevato correttamente il telefono. Per farlo, apri Prompt dei comandi (su Windows) o Terminale (su Mac). Quando viene caricato il prompt dei comandi o il terminale, digitare “cd” seguito dal percorso della cartella principale degli strumenti della piattaforma, quindi premere il tasto “Invio”. Invece di digitare manualmente questo percorso della cartella, puoi digitare “cd” e trascinare la cartella degli strumenti della piattaforma su questa finestra.

Per verificare se il tuo telefono è connesso, digita il seguente comando:

  • Su Windows: adb devices
  • su Mac: ./adb device

Se il telefono è stato connesso correttamente, il numero di serie dovrebbe essere visualizzato sullo schermo.

Passaggio 5: entra nel Bootloader del dispositivo e sbloccalo

Quando il tuo dispositivo Android è connesso al tuo computer, puoi procedere allo sblocco del suo bootloader. Per fare ciò, devi prima accedere alla schermata di avvio rapido che puoi eseguire seguendo questi passaggi:

  • Premi contemporaneamente i pulsanti Accensione + Volume giù fino a quando non viene visualizzato il logo di errore di Android
  • Premi insieme i pulsanti Accensione + Volume su, quindi rilascia il tasto Volume su

Un modo più semplice per accedere alla modalità di avvio rapido sul tuo dispositivo Android può essere eseguito utilizzando il prompt dei comandi o il terminale. Per farlo, inserisci il seguente comando:

  • Su Windows: adb reboot bootloader
  • su Mac: ./adb reboot bootloader

Quando il tuo dispositivo è in modalità fastboot, puoi sbloccare il tuo bootloader seguendo questi comandi:

  • All’interno del prompt dei comandi (Windows): fastboot flashing unlock
  • Terminale interno (Mac): ./fastboot flashing unlock

Una volta fatto, dovrai sbloccare manualmente il bootloader del tuo telefono sul telefono. Dopo aver inserito i comandi precedenti, utilizza i pulsanti del volume del telefono per selezionare l’opzione “Sblocca il bootloader”, quindi conferma la selezione premendo il pulsante di accensione. Questo passaggio cancellerà tutti i dati del tuo dispositivo e, una volta fatto, il telefono si riavvierà.

In caso di riavvio riuscito, dovrai accedere nuovamente al bootloader del dispositivo immettendo i comandi seguenti:

  • All’interno del prompt dei comandi (Windows): adb reboot bootloader
  • Terminale interno (Mac): ./adb reboot bootloader

Quando il dispositivo si riavvia, procedi al passaggio successivo di seguito.

Passaggio 6: immagine di fabbrica Flash di Android 11

Una volta sbloccato il bootloader del tuo dispositivo, sei pronto per installare Android 11 sul tuo telefono utilizzando l’immagine di fabbrica che hai scaricato in precedenza. Se sei un utente di Google Pixel, l’installazione delle immagini di fabbrica è un’operazione semplice poiché può essere eseguita con un solo comando:

  • All’interno del prompt dei comandi (Windows): flash-all
  • Terminale interno (Mac): ./flash-all.sh

Dopo aver inserito il comando, Android 11 dovrebbe avviarsi…