Connect with us

Notizie

Google collaborerà con TSMC per il suo prossimo Tensor G5 che alimenterà la gamma Pixel 10, il database commerciale mostra prove sufficienti di questa alleanza

Google collaborerà con TSMC per il suo prossimo Tensor G5 che alimenterà la gamma Pixel 10, il database commerciale mostra prove sufficienti di questa alleanza

Il Tensor G5 è stato segnalato numerose volte come il primo chipset interno di Google che sarà prodotto in serie da TSMC e dovrebbe arrivare nel 2025 per la serie Pixel 10. In quelle occasioni non c’erano prove sufficienti che il colosso della pubblicità e il Golia dell’industria dei semiconduttori avrebbero unito le forze, ma secondo l’ultimo aggiornamento ci sono prove sufficienti che Samsung non sarà responsabile della fabbricazione del Tensor G5.

Un database commerciale disponibile al pubblico fornisce la prova che TSMC gestirà la produzione di massa del Tensor G5 di Google

L’immagine qui sotto dimostra che Google si è alleato con TSMC, con Autorità Android individuando queste informazioni attraverso un database disponibile al pubblico. Tuttavia, per coloro che non riescono a comprendere il contenuto dell’immagine, spieghiamo. Qualunque azienda sia coinvolta nell’importazione o nel trasporto di merci fuori dal paese deve dichiarare il contenuto e il valore di tali merci. Alcune regioni condividono questi dettagli con terze parti e tali informazioni finiscono nell’elenco di vari database.

Ciò probabilmente ha consentito alla pubblicazione di ottenere le informazioni, che vengono visualizzate nell’immagine seguente e mostrano un manifesto di spedizione del campione Tensor G5 di Google. Tuttavia, da nessuna parte nei risultati viene menzionato il termine “Tensor G5” o qualcosa di lontanamente simile, quindi come facciamo a sapere esattamente se si riferisce al prossimo chipset per smartphone di Google? Il termine LGA presente nella tabella “Descrizione della merce” è il nome in codice abbreviato del G5, ovvero “Laguna Beach”.

Google potrebbe cercare di coprire le sue tracce per evitare che informazioni come questa vengano incluse in questi rapporti utilizzando tali abbreviazioni, ma la società non è stata così fortunata in questa occasione. La revisione del chip è “A0”, il che significa che è la prima versione disponibile del silicio e molto probabilmente è rotta. Inoltre, “NPI-OPEN” è un’ulteriore prova che si tratta di un primissimo campione del Tensor G5 e, secondo “SLT”, che è un test a livello di sistema, indica che il SoC è stato verificato in qualche modo.

L’immagine mostra anche che ci sono 16 GB di RAM, il che significa che Google mira a incorporare tonnellate di memoria nel Pixel 10. Secondo una fuga di notizie precedente, si dice che Pixel 9 Pro venga fornito con 16 GB di RAM, quindi ha perfettamente senso che il Anche Pixel 10 Pro riceverebbe questo trattamento. Con il nome dell’esportatore scritto come Google a Taiwan, abbiamo anche appreso che l’importatore è una società chiamata Tesssolve Semiconductor, che si trova in India.

Tessolve è specializzato nella verifica e nel test dei semiconduttori e Google potrebbe aver inviato tali campioni a questa azienda anziché a Samsung. L’invio in India per la verifica potrebbe essere fatto a fini di risparmio sui costi, poiché sarebbe probabilmente più costoso per Google testare questi campioni in una struttura locale. Detto questo, mancano ancora diversi mesi al lancio del Tensor G5, ma il fatto che queste prove siano disponibili rivela che il colosso della tecnologia è al lavoro per quanto riguarda il suo sviluppo.

Condividi questa storia

Facebook

Twitter