Connect with us

Notizie

GPU e acceleratori diventeranno molto più costosi negli Stati Uniti con il ripristino delle tariffe dell’era Trump

GPU e acceleratori diventeranno molto più costosi negli Stati Uniti con il ripristino delle tariffe dell’era Trump

I prezzi dei componenti per PC, comprese le GPU, aumenteranno enormemente negli Stati Uniti mentre l’amministrazione Biden promette di ripristinare Dazi dell’era Trump sui prodotti assemblati in Cina.

Con l’ultima mossa del governo degli Stati Uniti, si prevede che i prezzi delle GPU per PC aumenteranno notevolmente

Le tariffe di cui stiamo parlando sono state inizialmente imposte durante il mandato di Donald Trump, quando il governo voleva ridurre l’influenza cinese sui mercati tecnologici nazionali. È stato affermato che tutte le importazioni di hardware provenienti direttamente dalla Cina dovranno affrontare una tariffa del 25%, che include GPU, acceleratori basati sull’intelligenza artificiale e molti altri componenti.

Tuttavia, durante il governo Biden, la politica tariffaria è stata interrotta. La sua reimposizione è stata posticipata dal 1° gennaio 2024 al 31 maggio 2024 e, poiché ci siamo avvicinati a quest’ultima scadenza, sembra che il governo abbia finalmente assunto una posizione dura.

Mercoledì, il rappresentante commerciale degli Stati Uniti (USTR) ha emesso un avviso in cui afferma che la tariffa sarà ora “mantenuta”. Su richiesta di PCMag, hanno ribadito il loro impegno a imporre la nuova politica fiscale. Viene rivelato che le tariffe utilizzano i codici “8473.30.1180 e 8473.30.5100”, e in base a ciò, più componenti, come schede grafiche e schede madri, dovranno ora affrontare tariffe aggiuntive e, in definitiva, gli effetti si tradurranno in mercati di consumo in sotto forma di costi più elevati, simili a quanto visto durante l’era Trump.

Crediti immagine: USTR

Tuttavia, è importante notare che l’USTR deve ancora rilasciare un avviso ufficiale che imporrà “formalmente” le tariffe. A giudicare dalle attuali condizioni politiche e dalle tensioni tra Stati Uniti e Cina, la politica tariffaria non sembra lontana dall’attuazione. Ebbene, considerando l’imposizione di nuove tasse, ci si può aspettare un aumento significativo dei prezzi dei componenti dei PC, soprattutto quelli tradizionali come schede madri e GPU, dal momento che diversi produttori, come ZOTAC e MSI, hanno stabilito i loro impianti di produzione in Cina e i paesi di importazione dei prodotti di tali fornitori diventerà molto più costoso.

Organizzazioni e industriali si sono opposti a tale mossa in misura molto maggiore, sostenendo che sopprimerebbe le attività commerciali e renderebbe l’acquisto di articoli tariffati più complesso che mai, considerando che la politica interromperebbe massicciamente la catena di approvvigionamento. Sarà interessante vedere come procederà l’amministrazione Biden con questa mossa, ma a quanto pare potrebbe trattarsi di una decisione sfavorevole.

Fonte della notizia: PCMag

Condividi questa storia

Facebook

Twitter