Connect with us

Notizie

iPhone 13 Pro con iOS 15 hackerato in solo 1 secondo e non stiamo nemmeno scherzando!

blank

Published

blank

Apple è un’azienda che ha sempre pubblicizzato la privacy come uno dei principali punti di forza dei suoi dispositivi. Se hai mai visto un evento di lancio di Apple, potresti sapere quante volte il gigante di Cupertino si rivolge ai suoi dispositivi più recenti, che si tratti di iPhone, iPad o Mac, come il dispositivo più sicuro di sempre. Tuttavia, in una recente competizione di Hackathon, alcuni hacker cinesi hanno fatto irruzione nell’ultimo iPhone 13 Pro di Apple con iOS 15.0.2 in un solo secondo! È stato un successo e per questo hanno vinto un premio in denaro di $ 300.000.

iPhone 13 Pro hackerato in 1 secondo!

Durante il recente campionato di hacking in Cina noto come Tiangfu Cup, non uno ma due team di hacker sono riusciti a rompere l’iPhone 13 Pro in pochi secondi. Come per la concorrenza Sito ufficiale, i team partecipanti hanno dovuto irrompere nell’iPhone 13 Pro per ottenere il controllo del telefono mentre funzionava con l’ultima versione di iOS 15.0.2.

C’erano tre livelli di ricompense per l’hacking dell’iPhone 13 Pro. Per l’esecuzione di codice remoto (RCE), il premio era di $ 120.000, per RCE più una fuga sandbox, la ricompensa era di $ 180.000 e per il jailbreak remoto del dispositivo, il premio in denaro era di $ 300.000.

Tra le due squadre vincitrici, Team Pangu, che è un nome popolare nella comunità di jailbreak di iPhone, è stato in grado di eseguire il jailbreak remoto dell’iPhone 13 Pro in un tempo record di 1 secondo. Non è uno scherzo e piuttosto sorprendente che il gruppo di hacker sia riuscito a entrare nel sistema dell’iPhone 13 Pro, che Apple chiama il più sicuro, così rapidamente e senza sforzo. Tuttavia, è evidente che la squadra si sta preparando per la competizione da molto tempo.

Un altro team del Kunlun Lab cinese è stato in grado di sfruttare una vulnerabilità in Safari per iOS 15 per entrare nell’iPhone 13 Pro. Il CEO di Kunlun Lab, che è anche l’ex CTO della società di sicurezza Internet Qihoo 360, ha fatto irruzione nel dispositivo in tempo reale in soli 15 secondi.

Entrambe le squadre hanno vinto una grande ricompensa in denaro per i loro successi. Dovrebbero contattare Apple per informarli sulle vulnerabilità, in modo che l’azienda possa implementare una correzione con un aggiornamento futuro.