Connect with us

Notizie

La carenza di chip costringe Apple a produrre 10 milioni di unità iPhone 13 in meno nel 2021

blank

Published

blank

La carenza globale di chip ha costretto Apple a tagliare i suoi piani di produzione per la serie iPhone 13, Bloomberg segnalato oggi. Secondo il rapporto, Apple aveva pianificato di produrre 90 milioni di unità della serie iPhone 13 negli ultimi tre mesi dell’anno, ma ha invece ridotto il programma di produzione di circa il 10%. Il che significa che quest’anno la società produrrà circa 10 milioni di iPhone in meno rispetto a quanto originariamente previsto. Doveva farlo perché i fornitori Broadcom e Texas Instruments, due dei principali produttori di chip al mondo, non potevano soddisfare le quantità richieste da Apple.

A dire il vero, Apple aveva avvertito gli investitori della carenza di chip che influiva sulla produzione durante la chiamata sugli utili del secondo trimestre di quest’anno. L’iPhone 13 scarseggia anche in India da quando è stato lanciato il mese scorso, così come altri dispositivi. La società di ricerche di mercato Counterpoint Research aveva rivisto le sue stime per il mercato degli smartphone all’inizio di questo mese. L’azienda ha tagliato le sue stime di crescita del 3%, affermando che l’industria crescerà del 6% quest’anno invece del 9% e che spedirà un totale di 1,41 miliardi di unità invece di 1,45 miliardi.

“La carenza di semiconduttori sembra interessare tutti i marchi dell’ecosistema. Samsung, oppo, Xiaomi sono stati tutti colpiti e stiamo abbassando le nostre previsioni. Ma Apple sembra essere la più resiliente e la meno colpita dalla situazione di carenza di AP”, disse Tom Kang, direttore della ricerca presso Counterpoint Research. Ha notato che i fabbricanti di semiconduttori di nuova costituzione non erano stati in grado di fornire i risultati previsti, il che potrebbe influenzare marchi come Qualcomm e MediaTek.

Il fatto che anche Qualcomm e MediaTek siano interessati significa che anche molti produttori di smartphone Android potrebbero avere difficoltà a soddisfare la domanda. Di solito, infatti, Apple ha la prima preferenza nella linea di fornitura, a causa dei grandi volumi che l’azienda offre ai fornitori. Se Apple deve tagliare i suoi programmi di produzione, è un segno che anche l’intero settore deve farlo.

Gli smartphone non sono nemmeno gli unici articoli elettronici colpiti dalla carenza di approvvigionamento. Saldi festivi per laptop e televisori sono stato anche colpito.

Grazie per aver letto fino alla fine di questo articolo. Per ulteriori contenuti tecnologici così informativi ed esclusivi, come il nostro pagina Facebook