Connect with us

Gioco

Lance Reddick parla di Resident Evil, Albert Wesker e altri di Netflix

Lance Reddick parla di Resident Evil, Albert Wesker e altri di Netflix

L’attore Lance Reddick è stato incaricato di interpretare il ruolo di Albert Wesker nella nuova serie TV di Netflix, Cattivo ospite. Per coloro che non hanno mai giocato ai giochi o visto i film, Wesker è uno dei nemici più iconici e formidabili nella storia dei giochi. Grazie al suo aspetto elegante, alla malvagità da cartone animato e ad alcune delle sue abilità, è in grado di gestire se stesso abbastanza bene contro artisti del calibro di Chris Redfield. Detto questo, la nuova serie Netflix ci mostra un altro lato di Wesker rivelando la sua vita familiare con la sua famiglia. È un punto di vista piuttosto unico, ma provoca una certa tensione quando la sua famiglia inizia a vedere e portare alla luce i suoi segreti sinistri e scopre che il loro padre potrebbe non essere il bravo ragazzo che afferma di essere.

ComicBook.com ha avuto modo di sedersi con Lance Reddick e parlare del suo ruolo nella serie. Sebbene Reddick non avesse familiarità con i giochi prima di unirsi allo spettacolo, aveva visto i film e li aveva usati come riferimento. Una volta capito per cosa aveva firmato, ha anche capito il peso delle aspettative dei fan e ha dovuto fare i conti con quello. Se sei interessato alla serie, puoi anche dare un’occhiata alla nostra recensione di Netflix Cattivo ospite dove gli abbiamo dato un 3,5/5.

La seguente intervista è stata leggermente modificata per lunghezza e chiarezza.

So che giochi a Destiny e ad altri giochi. Avevi giocato ai giochi di Resident Evil prima di entrare nello show o dopo essere stato scelto?

Lancia Reddick: Non avevo giocato ai videogiochi di Resident Evil e ancora non ci ho giocato. In effetti, quando mi è venuto in mente il progetto, non sapevo nemmeno che fosse basato su un videogioco. Conoscevo solo i film. E sono stato in grado di leggere i primi sette episodi prima ancora di avere un incontro per il ruolo. Quindi avevo un’idea molto, molto chiara di quale fosse il personaggio e quale fosse l’arco narrativo, almeno per la prima stagione. Quindi ho davvero firmato perché ero così entusiasta di ciò che ho letto sulla pagina.

Hai avuto qualche trepidazione nel fare un adattamento di una serie di videogiochi? So di tanto in tanto che c’è l’idea che non vadano sempre molto bene. Ma ti è passato per la mente, entrare?

Abbastanza interessante, mi è passato per la mente, davvero, solo dopo. Dopo il fatto. Quando lo stavo facendo, ero così entusiasta del personaggio e della storia che era stata scritta. Come attore, non mi stavo avvicinando come fan dei videogiochi, mi stavo avvicinando come attore. E come attore, questa è la cosa che cerchi sempre. Quindi, quando arriva qualcosa del genere, e lo ottieni a picche, fai un salto. Salta su di esso. E poi ti preoccuperai di quelle altre cose. Ma la cosa che dimentichi sempre è che dopo arriva sempre. Quindi sì, poi sono diventato un po’ nervoso all’idea: “Oh mio Dio, cosa sono i fan più accaniti, che vogliono vedere il gioco sullo schermo, come si sentiranno a riguardo?”

Sono sicuro che, come sai, hai detto che eri a conoscenza dei film. Wesker, in quei film e nei giochi, è molto diverso da quello che vediamo qui. È un padre di famiglia in questo spettacolo, al contrario del ragazzo malvagio da cartone animato che è nei film e nei giochi.

Anche se puoi vedere del male!

Si. Puoi vedere del male. Era questo che ti interessava in particolare di interpretare questo ruolo?.

Quello che mi interessava di questo era che dovevi vedere entrambi [sides], perché non penso… Voglio dire, sono stato davvero fortunato ad aver potuto interpretare… Non voglio dire personaggi moralmente, ma moralmente ambigui prima, non ultimo di cui è il ruolo che ho appena finito di interpretare in Bosch. Ma questo lo ha davvero portato a un livello completamente diverso perché vedi un ragazzo che è veramente tipo, come lo metto? In alto nella scala degli psicopatici, che ama davvero le sue figlie, e in termini di senso della moralità e dell’etica, sta effettivamente cercando di capirlo mentre va avanti. E sta avendo difficoltà a farlo perché ha un capo che in realtà è molto più alto nella scala degli psicopatici.

Sono sicuro che, come sai anche dai film, ci sono molti eroi nella serie Resident Evil. E non sono sicuro che tu abbia familiarità con Chris Redfield e Leon Kennedy o qualcosa del genere, ma ci sono eroi o altri personaggi che conosci nell’universo di Resident Evil che vorresti vedere magari in un stagione futura, se voi ragazzi tornate e andate in punta di piedi con? Perché Wesker è un nemico formidabile per questo tipo di personaggi.

Oh. È così difficile perché non ho giocato ai giochi, anche se in realtà ho guardato la maggior parte dei film. C’è stata un’estate in cui ho avuto un paio di settimane in cui, non chiedermi perché, ma mi stavo abbuffando fino alle 4:00 del mattino a guardare i film. Ma onestamente, i film sono così ricchi di azione che il personaggio di Milla Jovovich è l’unico che ricordo davvero. E sento che sarebbe davvero interessante vedere se e come il suo personaggio potrebbe entrare in questa serie.

Sarebbe piuttosto interessante. Ne vediamo alcuni, come hai detto tu… Non voglio dare spoiler.

Sì, è dura!

È molto dura. Ho chiesto al mio collega di scrivere questa domanda per me perché poteva farlo un po’ meglio di me. Ma voleva dire che il tuo ruolo in Resident Evil ha dei parallelismi unici con il tuo ruolo in Fringe tanti anni fa. In che modo pensi che il tuo ruolo in quello spettacolo ti abbia preparato per le sfide del ruolo in questo?

Beh… Quindi prima di tutto, di cosa stai parlando, sento che non posso parlarne troppo perché non voglio fare spoiler. Tuttavia, parlando di Fringe, ho pensato spesso mentre stavo girando, “Wow. Sto per interpretare Walter”, che ironicamente, anche se Fringe era la storia di Olivia, è diventato davvero il personaggio di successo di quello spettacolo. E quindi, almeno a questo proposito, mi sento come: “Wow, interpreterò Walter in tutte le sue iterazioni”.

È stato facile attingere a questo, sapendo che avevi un po’ di storia lì?

No, perché non ho provato a fare quello che ha fatto John perché voglio dire, è come cercare di “Scriverò una sinfonia. Farò Beethoven”. Voglio dire, è come “No, no”. Quindi ho solo cercato di essere fedele a ciò che c’era sulla pagina. E l’unica cosa che ho fatto è stata una lunga conversazione con un mio amico del liceo che ora è un professore di biochimica. E quindi solo una specie di comprensione della sua scienza, non che mi abbia insegnato la biochimica, ma una specie di psicologia di come funziona è stata interessante e utile.

Parlami un po’ di New Raccoon City. Dove avete filmato questo posto? È un luogo così affascinante che cercavo costantemente di capire come costruivano questi set e dove si trovassero.

Lancia Reddick:

È interessante notare che l’abbiamo girato in Sud Africa, a Cape Town. Ma forse… Amico, spero di non finire nei guai per questo. Forse il set più bello e inquietante non era un set. Era un quartiere. Era dove vivono Billie, Jade e Albert quando erano al liceo. E si sono appena trasferiti… Questa è una nuova New Raccoon City. Sì. E l’hanno ambientato in Sud Africa in modo che potessero spiegarlo, e non avresti avuto tutti che cercavano di cambiare accento tutto il tempo. Ma tutte le case sono davvero bianche e sono tutte una specie di formine per biscotti. Ed è davvero in questa posizione remota in cui è come, basta guardare questo, è solo campo, campo, campo, campo, autostrada e questo sviluppo di tutte queste case bianche circondate da recinzione elettrica, quindi è stato strano.

L’unica altra cosa che chiederò allora è che sai che Albert Wesker è un personaggio popolare nei videogiochi. Hai fatto qualche ricerca al di fuori dei film? O ti sei attenuto principalmente a questo e hai cercato di costruire il tuo personaggio?

Beh, davvero non ho usato i film per la ricerca. Erano solo un riferimento. La maggior parte del mio lavoro è stato fatto solo con la sceneggiatura. Ho dovuto farlo, per ragioni in cui non posso entrare perché è territorio di spoiler, ma ho dovuto guardare un po’ di gameplay con Albert Wesker perché ci sono stati momenti in cui era importante capire come si muove e qual è il suo atteggiamento, sia psicologicamente che fisicamente.