Connect with us

Notizie

NVIDIA taglia i prezzi delle GPU AI H20 in Cina per competere con le alternative nazionali di Huawei

NVIDIA taglia i prezzi delle GPU AI H20 in Cina per competere con le alternative nazionali di Huawei

NVIDIA sta cercando di avere un impatto sui mercati cinesi tagliando i prezzi delle sue GPU AI per far fronte alla feroce concorrenza regionale.

NVIDIA è determinata a fare un passo avanti nella regione cinese attraverso tagli di prezzo su larga scala

La posizione di NVIDIA in Cina non è stata quella che l’azienda avrebbe sperato e, sebbene NVIDIA sia riuscita a trarre vantaggio dalle vendite cinesi delle sue GPU Hopper, le sanzioni statunitensi hanno creato una situazione problematica per il futuro dell’azienda.

Con il divieto di esportare diversi modelli di GPU e acceleratori AI, NVIDIA ha introdotto le GPU AI H20 conformi alla Cina per riconquistare l’interesse del mercato. Eppure, un rapporto da Reuters afferma che l’azienda non vede la risposta ideale da parte dei clienti cinesi, motivo per cui ha deciso di fare passi concreti, tra cui l’offerta di prezzi competitivi.

È piuttosto raro sentire che le GPU AI di NVIDIA vedono sconti sui prezzi, ma nel caso della Cina, beh, sta accadendo. È stato riferito che gli acceleratori AI H20 di NVIDIA hanno registrato un calo dei prezzi del 10% rispetto al chip AI Ascend 910B di Huawei, noto come la soluzione interna più potente per l’elaborazione AI. Le GPU H20 di NVIDIA sono disponibili in abbondanza sui mercati.

Sfortunatamente, l’azienda non riesce ad assicurarsi un numero sufficiente di acquirenti, costringendoli a fornire sconti per attirare l’attenzione del mercato. Inoltre, un calo di prezzo simile è stato osservato nelle GPU AI Hopper H100 dell’azienda disponibili attraverso i “mercati neri”, il che mostra quanto sia diminuita massicciamente la domanda.

Nonostante tali sforzi, gli analisti prevedono che NVIDIA non sarà in grado di affrontare rapidamente la situazione. Le soluzioni nazionali hanno visto un’adozione diffusa da parte delle imprese cinesi, che le considerano più economiche e più convenienti rispetto alle opzioni tradizionali. Inoltre, le normative statunitensi hanno costretto NVIDIA a ridurre la potenza di calcolo offerta nella regione, motivo per cui le aziende cinesi giganti come Alibaba e Tencent vedono le alternative interne come un’opzione migliore.

Sembra che la situazione di NVIDIA in Cina non sia ideale, il che può potenzialmente avere impatti negativi, considerando che i mercati cinesi sono noti per contribuire in modo fondamentale al successo finanziario dell’azienda. Ma anche con il blocco stradale della Cina, NVIDIA è comunque riuscita a raccogliere un’enorme domanda in tutto il mondo e ciò si riflette nei loro recenti guadagni.

Condividi questa storia

Facebook

Twitter